Trattativa stato mafia

Per trattativa stato-mafia si intende il dialogo intercorso fra esponenti dello Stato italiano e i vertici di Cosa Nostra fra il 1992 e il 1994, allo scopo di mettere fine alla strategia terroristica della mafia iniziata il 12 marzo 1992 con l'uccisione dell'europarlamentare Salvo Lima, proseguita con gli eccidi di Capaci (23 maggio), via d'Amelio (19 luglio) e le bombe del 1993 a Firenze, Milano e Roma.

La mafia dà il via alla stagione delle stragi a seguito della sentenza della Cassazione del 30 gennaio 1992, che rende definitive le condanne del maxiprocesso a Cosa Nostra istruito da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino negli anni Ottanta.

Al centro della trattativa il cosiddetto 'papello', la lista di richieste presentata allo Stato dal boss Salvatore Riina. Il tramite è Vito Ciancimino, legato alla mafia corleonese e contattato dai vertici del Ros dei Carabinieri allo scopo di intavolare il 'dialogo' con i boss.

Tre sentenze della magistratura hanno considerato 'provata' la trattativa, iniziata "da rappresentanti dello Stato".

E' attualmente in corso a Palermo il processo di primo grado che vede alla sbarra dieci imputati: Antonio Subranni, Mario Mori, Giuseppe De Donno, Salvatore Riina, Leoluca Bagarella, Antonino Cinà, Giovanni Brusca, Marcello Dell'Utri, Nicola Mancino e Massimo Ciancimino. La posizione di Bernardo Provenzano è stata stralciata per "motivi di salute". Calogero Mannino verrà giudicato con la formula del rito abbreviato.

Articoli riguardo Trattativa stato mafia

Luciano Violante
La rosa dei soliti noti: i candidati di Renzusconi per Consulta e CSM

By IBTimes Italia

I nomi che circolano sono l'esatto opposto della rottamazione: Violante, Catricalà, Ghedini, Brutti, La Russa. Ci sono fan del condono edilizio, promotori di leggi ad personam, sostenitori dell'abrogazione del 41bis e del maxi-indulto del 2006, vecchi amici di Previti e Cosentino. (05.09.2014)

Salvatore Riina
Stato-mafia, la strana storia del 'protocollo farfalla': il documento che in troppi dicevano di non conoscere

By IBTimes Italia

A gennaio l'allora ministro Cancellieri dichiarò di non esserne a conoscenza, pur essendo il DAP una costola del suo ministero. A marzo Rosy Bindi escludeva l'esistenza di un protocollo scritto. (30.07.2014)

Renzusconi
Non solo riforme istituzionali: è l'estate delle trattative

By IBTimes Italia

Non c'è solo la partita del Senato sul tavolo del Presidente del Consiglio e della sua trasversale ma non solidissima maggioranza. I 'fascicoli' aperti sono almeno cinque, ciascuno legato all'altro e su ognuno dei quali si sta con... (28.07.2014)

Berlusconi, Napolitano e Renzi
Renzi, Napolitano, Berlusconi: perché il nuovo sultanato ha tanta fretta di cambiare la Costituzione?

By IBTimes Italia

Negli ultimi giorni il Presidente della Repubblica ha espresso il suo appoggio incondizionato al patto del Nazareno, di cui è diventato garante. La triade condivide il bisogno di riforme condivise, per interessi comuni e convergenti. (25.07.2014)

Giorgio Napolitano
Re Giorgio Napolitano non molla la presa sul CSM: stoppata la nomina del procuratore di Palermo

By IBTimes Italia

Nuova lettera (stavolta pubblica) all'organo di autogoverno della magistratura sull'ordine cronologico da seguire nella nomina dei Procuratori capo. 'Congelata' la scelta su Palermo, impegnata nelle delicate indagini sulla trattativa, il cui posto sarà vacante fra pochi giorni. (24.07.2014)

Via d'Amelio
Via d'Amelio, le polemiche sulla tre giorni di Palermo che ne oscurano i contenuti

By IBTimes Italia

La presenza di Ciancimino e l'abbraccio con Salvatore Borsellino, oltre alla contestazione delle Agende Rosse a Rosy Bindi, ha acceso le polemiche in seno al movimento antimafia. Oscurando i contenuti venuti fuori dalla tre giorni di Palermo e a... (22.07.2014)

Paolo Borsellino
Strage via d'Amelio: "La borsa di Borsellino? La trovarono nell'ufficio di La Barbera"

By IBTimes Italia

Deposizione al Borsellino quater di Fausto Cardella, magistrato applicato a Caltanissetta nel 1992. La Barbera è il capo della Squadra Mobile di Palermo che darà credito ai falsi pentiti protagonisti del depistaggio della prima inchiesta. (15.07.2014)

Pietro Grasso
Stato-mafia, la deposizione di Grasso: "Mancino mi disse che dovevo fare qualcosa"

By IBTimes Italia

Deposizione del Presidente del Senato, all'epoca Procuratore Nazionale Antimafia, sul caso Mancino-Quirinale. "Avevo incontrato Mancino il giorno degli auguri di Natale al Presidente della Repubblica. Si sentiva perseguitato. (11.07.2014)

Giorgio Napolitano
Stato-mafia, in Aula il caso Mancino-Quirinale. A settembre tocca a Napolitano?

By IBTimes Italia

Tra l'11 e il 17 luglio saranno chiamati a testimoniare i coprotagonisti del caso Mancino-Quirinale: Piero Grasso, il segretario del Colle Donato Marra, i due procuratori della Cassazione Esposito e Ciani. (04.07.2014)

Strage di via d'Amelio
Via d’Amelio, parla il pentito Calcara. “Voglio un confronto con Brusca: nasconde le cinque entità”

By IBTimes Italia

Vincenzo Calcara, l'uomo che doveva uccidere Paolo Borsellino, iniziò a collaborare proprio con la sua vittima designata. Materiale che, con tutta probabilità, è finito nell'Agenda Rossa scomparsa il giorno della strage. (30.06.2014)

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci