TORRES non ci sta: “Doping? Invidiosi perché siamo i più forti”

di 03.07.2012 8:58 CEST
Torres
Fernando Torres ad Euro 2012 Reuters

Fernando Torres non le manda a dire. Al rientro, trionfale, della Spagna in patria dopo la conquista di Euro 2012, il centravanti del Chelsea, primo nella storia della rassegna continentale ad andare a segno in due diverse finali, replica così alle accuse di doping: "I numeri dicono che siamo la miglior squadra nella storia del calcio e sfortunatamente per qualcuno non è ancora finita. Vogliamo vincere ancora, perché non siamo mai sazi. Se si osserva il minutaggio complessivo degli Europei, si nota come quelli che siano scesi meno in campo siano molto giovani ed il futuro appartenga a loro. Per adesso ci godiamo il successo, ma la nostra testa è già rivolta alla Confederations Cup e, soprattutto, al Mondiale. Spero che un'ampia parte del gruppo ci sarà". Infine una battuta al veleno sulle illazioni provenienti dall'Italia: "Il doping? Chi parla è invidioso dei nostri successi".

LEGGI ANCHE: BALOTELLI-BUFFON. Scintille e schiaffi nel dopo gara di Kiev

EURO 2012. Spagna e DOPING, dubbi dopo la vittoria della finale contro l'Italia

 

Commenti