Tragedia a Roma: clochard carbonizzati in un sottopasso

  | 27.01.2013 14:25 CET

È una nuova tragedia dei senzatetto quella che si è verificata a Roma. Due corpi carbonizzati sono stati rinvenuti nel sottopasso di Corso Italia dai Vigili del fuoco. I due avevano acceso il fuoco per scaldarsi e, secondo una prima ricostruzione, sarebbero morti per asfissia dovuta al fumo e poi il fuoco ne avrebbe carbonizzato i corpi.

Vicino a loro sono state ritrovate sia coperte sia bottiglie di liquore. Ora sono in atto le procedure di identificazione dei cadaveri; con tutta probabilità dovrebbero essere di nazionalità somala. Nello stesso sottopasso, dove vige un forte degrado, trovò la morte un altro clochard nel gennaio dello scorso anno. Quella che si è creata tra l'Ambasciata inglese e il Ministero dei Trasporti è una vera e propria città sotterranea dove vivono decine di persone. Una città arredata da materassi, mobiletti, cartoni e sacchi a pelo; qui vivono molti senzatetto tra i cumuli di spazzatura ammassata ai lati vicino ai muri.

È una tragedia senza fine quella dei senza tetto; ogni anno muoiono dodici clochard sulle strade di Roma e sono quasi duemila i cosiddetti barboni.

 

 

Commenti