Tremonti vs Report: “Non ho mai rubato un euro”

di 19.11.2012 18:17 CET
Tremonti: battitore libero o schierato?
Tremoniti intervistato da Annunziata reuters

Giulio Tremonti vs Milena Gabanelli, atto secondo. Due anni fa l'Agcom (l'Authority per le Comunicazioni, in teoria organo imparziale in realtà gestito dalla politica) aveva imposto a Report una strana puntata riparatoria perchè il ministro si sentiva leso da un'inchiesta della redazione. Puntata in cui, sentenziava l'Agcom, bisognava sottolineare i (presunti) meriti del ministro perchè precedentemente lo si era criticato. Uno strano concetto di informazione.

Tra ieri e oggi un nuovo round. Nella puntata di domenica Report ha fatto i conti in tasca all'ex titolare del dicastero di via XX Settembre. In particolare un approfondimento a firma di Sigrido Ranucci aveva evidenziato i legami tra gli uomini vicini a Tremonti (l'attuale ministro dell'Economia Vittorio Grilli e l'ex braccio destro, Marco Milanese) e Massimo Ponzellini, l'ex numero della Banca Popolare di Milano finito agli arresti domiciliari lo scorso mese di maggio. La puntata, neanche a dirlo, non è piaciuta all'ex ministro.

"Non ho mai rubato un euro o ricevuto alcun beneficio indebito. Per fare il ministro, come dovuto, ho rinunziato ai miei redditi professionali - ha sostenuto Tremonti in una lettera a Dagospia - Report potrebbe gentilmente distinguere tra soldi guadagnati o ereditati e soldi rubati, tra soldi privati e soldi pubblici. Non mi sono arricchito, semplicemente ho disinvestito titoli già in mia proprietà, in totale tracciabilità bancaria".

Commenti