Ubs, le perdite di Adoboli mettono in difficoltà il colosso elvetico

  | 26.11.2012 8:22 CET
Kweku Adoboli
Kweku Adoboli ex trader di Ubs

UBS potrebbe avere la necessità di ricapitalizzarsi a seguito alle perdite di Kweku Adoboli, trader che costò 2,3 miliardi di dollari al colosso svizzero. La FSA (Financial Services Authority) negli Uk, sta procedendo nei lavori che prevedono una sanzione da 29,7 milioni di sterline.

Adoboli, ex trader di Ubs, ha fatto registrare lo scorso anno una perdita da 2,3 miliardi di dollari, la più grande perdita a seguito di un trade non autorizzato nella storia degli Uk.  Questo trade è costato parecchio: ovviamente Adoboli non lavora più per Ubs e soprattutto dovrà scontare 7 anni di reclusione. 

Ubs è ora sottoposta a diversi controlli da parte di autorità finanziarie come la FSA e la Finma proprio a causa di questo trade. Purtroppo Ubs, con questo trade, ha dimostrato al mondo finanziario che i suoi controlli interni sul risk management e operations non sono ottimali tant'è che la Finma, autorità svizzera per il controllo degli operatori finanziari, afferma che Ubs ha delle "mancanze nel ramo risk management della divisione Investment Banking".  

Sergio Ermotti, Ceo di Ubs, afferma: "Siamo assolutamente determinati ad imparare da questi errori. Abbiamo migliorato e aumentato i controlli all'interno affinchè non avvengano più episodi simili". 

Fonte: Bloomberg 

 

Commenti