Volvo: dall'auto a prova di morte, all'elettrica: 5 motivi per cui dobbiamo credere alla rivoluzione svedese

Volvo XC90
Volvo XC90 Volvo

La storia di Volvo la conosciamo e possiamo dire senza mezzi termini che tra i produttori di alta gamma è la casa automobilistica che ha fatto registrare il miglior progresso tecnologico ma, soprattutto, economico. Cerchiamo di capire i motivi che sono alla base del successo di Volvo, in questo articolo andremo ad individuarne cinque.

LEGGI ANCHE: Guida autonoma: a che punto siamo?

1) La Volvo con i soldi degli altri funziona alla grande

Volvo ha trovato la sua vera dimensione dopo l'acquisizione, nel 2010, al colosso cinese Geely. Sotto la guida di Geely Automobile Holdings, uno dei 4 più grandi produttori di automobili in Cina, Volvo è riuscita a ritrovare l'identità che sotto la gestione Ford sembrava essersi dissolta

Geely ha investito tanti soldi nella casa automobilistica svedese avendo però il buon senso di lasciare il management e tutte le tradizioni che hanno reso celebre il brand nordico.

Volvo Volvo   REUTERS/Ints Kalnins/FP

2) Una crescita continua e progressiva

Volvo sta registrando ottimi segnali dal mercato. Nello specifico, la casa svedese ha registrato ottimi risultati di vendita nel mese di marzo, riportando un incremento anno su anno del 9,3% che è riconducibile alla crescita a doppia cifra realizzata nelle aree Asia-Pacifico ed EMEA. Le vendite nel mese di marzo sono state pari a 57.158 unità, rispetto alle 52.279 dello stesso periodo dello corso anno. La crescita nel primo trimestre del 2017 risulta pari al 7,1%, numeri che mettono la casa sulla rotta giusta per ottenere per il quarto anno consecutivo un risultato da record in termini di vendite.

Il successo di vendite nel settore del lusso sono il risultato di scelte prese con criterio: Volvo ha infatti deciso di concentrarsi in modo esclusivo sul settore del lusso proponendo un portafoglio prodotti con finiture al top della categoria e, soprattutto, molto sicure.

3) La strada della guida autonoma

Lo scorso anno Volvo e Autoliv, leader mondiale nell’ambito dei sistemi di sicurezza automobilistici, hanno firmato un accordo di collaborazione preposto allo sviluppo di software di prossima generazione per la gestione dei sistemi di guida autonoma. Autoliv è il maggiore fornitore di sistemi di sicurezza per l’industria automobilistica a livello mondiale e da oltre 60 anni svolge un ruolo di punta nello sviluppo di tecnologie di sicurezza attiva e passiva. Da questo accordo è nata la società Zenuity dedicata appunto allo sviluppo di software per la guida autonoma.

LEGGI ANCHE: Per Volvo la guida autonoma è una certezza: al via la sperimentazione sulle strade pubbliche

Volvo ha inoltre siglato un accordo da 300 milioni di dollari con Uber per lo sviluppo congiunto di una vettura completamente autonoma entro il 2021.

“La guida autonoma può contribuire in modo significativo alla sicurezza stradale,” Håkan Samuelsson, Presidente e CEO di Volvo.

Ricordiamo che le vetture di alta gamma di Volvo presentano il sistema a guida semiautomatica Pilot Assist, che provvede a correggere automaticamente la traiettoria dello sterzo per mantenere la vettura allineata con le linee di demarcazione della corsia a velocità autostradali fino a circa 130 km/h.

Volvo XC90 Volvo XC90  Volvo

4) L'auto a prova di morte

Volvo ha dichiarato che entro il 2020 sarà in grado di realizzare  "auto a prova di morte". L'azienda da alcuni anni è costantemente impegnata nello sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche per la sicurezza. Per arrivare ad avere l'auto a prova di morte sarà fondamentale il contributo della guida autonoma  della quale il produttore svedese è un grande fautore. Soluzioni tecnologiche che sono state in parte inserite nella nuova XC60.

LEGGI ANCHE: La nuova Volvo XC60 è un'auto quasi a prova di morte

Volvo V90:Chassis Simulator Volvo V90: Chassis Simulator  Volvo

5) Le elettriche per la Cina 

Volvo ha radici in Cina e così la prima elettrica svedese nascerà proprio in Cina, semplicemente il mercato delle elettriche più grande al mondo. La prima elettrica di Volvo debutterà nel 2019 e verrà successivamente esportata in tutti i mercati

Erik Coelingh, Senior Technical Leader at Volvo Cars Erik Coelingh, Senior Technical Leader at Volvo Cars  Volvo Cars

Per realizzare la prima elettrica, che sfrutterà la piattaforma modulare Compact Modular Architecture, Volvo utilizzerà lo stabilimento di Daqing dove vengono prodotte le Serie 90. Ricordiamo che la casa svedese può contare anche su Chengdu, dove vengono realizzate le Serie 60 e Luqiao, preposto alla produzione delle Serie 40.