Windows 10 Mobile, Microsoft ci crede ancora: i 3 motivi per cui è ancora vivo

Nokia Lumia 930
Un Nokia Lumia 930 con installato Windows 10 Mobile IBTIMES ITALIA / Massimiliano Di Marco

Servono nuovi ingegneri per lavorare al sistema operativo mobile di Microsoft, Windows 10 Mobile. L'azienda di Redmond ha pubblicato due annunci sul proprio sito ufficiale, inserzioni tramite cui cerca due figure: un Program Manager e un Senior Program Manager. Entrambe contribuiranno agli impegni mobile della società, quel Windows 10 Mobile (e le sue future iterazioni) che viene dato per "morto" ormai da tanti mesi. La situazione è però un po' più arzigogolata, ma una cosa è certa: in nessun caso, Windows 10 Mobile è sul viale del tramonto, ma presto potrebbe essere molto diverso da come lo conosciamo.

SEGUICI SU FACEBOOK 

WINDOWS 10 MOBILE: LA SITUAZIONE ATTUALE

Innanzitutto una grande premessa, ossia come si posiziona al momento Windows 10 Mobile nel catalogo di Microsoft. Bisogna fare due distinzioni: l'OS a livello commerciale - ossia gli smartphone a corredo - e il supporto software della società.

Nel primo caso, i Lumia non sono più una priorità per l'azienda. Ciò è evidente dal fatto che sul Microsoft Store Lumia 950, Lumia 950 XL e Lumia 650, ossia gli ultimi tre smartphone realizzati da Microsoft, non ci sono più. Lo spazio è tutto per HP Elite x3 - tuttora il top di gamma Windows 10 Mobile - e Acer Jade Primo. Entrambi sono compatibili con Continuum, la funzionalità del sistema operativo mobile che permette di "trasformare" lo smartphone in un PC grazie alle potenzialità delle applicazioni universali Windows.

LEGGI ANCHE: Windows 10, le pubblicità diventeranno presto più invadenti: come disattivarle

Si parla di un potenziale nuovo smartphone di fascia alta da parte di Microsoft entro la fine dell'anno, sebbene ciò di cui si parla non dovrebbe essere Surface Phone. Un prodotto simile immesso sul mercato dalla società in questo momento sarebbe senz'altro una sorpresa.

WINDOWS 10 MOBILE: 3 MOTIVI PER CUI È ANCORA VIVO

Nel secondo caso, ossia il supporto della società a Windows 10 Mobile, non è mai stato messo in dubbio. Come piattaforma, Windows 10 Mobile è destinato a continuare a evolversi. È parte integrante di Windows 10, ne condivide il "cuore". Ciò implica che ogni volta che Windows 10 viene aggiornato con nuove funzioni, anche l'edizione mobile ne giova, anche se spesso in modo minore.

L'aggiornamento Creators Update - previsto nei prossimi mesi - ne è un esempio. Le sue novità sono principalmente dedicate al desktop: Paint 3D, maggiore controllo sulla privacy, la possibilità di rinviare a oltranza gli aggiornamenti, i temi scaricabili dal Windows Store e migliorie all'Action Center. Bisogna però considerare che le applicazioni di sistema, da Posta e Calendario a Contatti e l'assistente virtuale Cortana, sono applicazioni universali: se viene aggiornata la versione desktop, lo stesso vale per quella mobile.

Microsoft Windows 10 L'amministratore delegato di Microsoft, Satya Nadella, durante il Future Decoded in India  REUTERS/Shailesh Andrade

Ed è proprio grazie a questa caratteristica che chi è legato al programma Insider Preview  - che permette di accedere in anteprima agli aggiornamenti in sviluppo - ha potuto osservare i tanti miglioramenti delle applicazioni di sistema, come il pacchetto Office, su Windows 10 Mobile. Inoltre, su smartphone meno recenti come Lumia 930, si è verificato anche un modesto miglioramento della stabilità generale.

Ci sono quindi 3 motivi per cui Windows 10 Mobile non solo non è "morto", ma è ancora vivo:

  1. Poiché è parte di Windows 10, continuerà a essere aggiornato;
  2. I produttori hardware possono commercializzare dispositivi Windows (HP, Alcatel, Acer, ad esempio). Alcune aziende e anche forze dell'ordine (come a New York e ad Amburgo) utilizzano smartphone Windows: per questo, Microsoft non smetterà di supportare il suo sistema mobile (e "Redstone 3" coinvolgerà ampiamente gli smartphone secondo le indiscrezioni);
  3. Il mobile sarà sempre una parte fondamentale della strategia di Microsoft, una società software in un mondo popolato da smartphone.

Quest'ultimo punto merita un approfondimento. Windows 10 Mobile, ma più in generale il modo in cui la casa di Redmond vede "lo smartphone del futuro", si evolverà. E sappiamo già come: Windows 10 on ARM, supportato da chip come Snapdragon 835 di Qualcomm, è il sistema operativo che, nei prossimi anni, permetterà agli smartphone di diventare, essenzialmente, dei PC in miniatura con tanto di software desktop. 

Il sistema operativo mobile, insomma, si presenterà in due forme: Windows 10 Mobile e Windows 10 on ARM. Quest'ultimo non sarà disponibile prima del tardo 2017 e, a dirla tutta, al momento Microsoft ha parlato prevalentemente di tablet e laptop economici (quelli di fascia più alta continueranno a usare processori Intel o AMD). In futuro, però, l'azienda potrebbe lanciare un segnale con un Surface Phone, magari tra il 2018 e il 2019, con a bordo lo Snapdragon top di gamma di turno e l'edizione completa di Windows 10. Iniziando una rivoluzione in campo mobile degna del lancio di iPhone nel 2007.